Bebè Mania

SPAZIO DEDICATO AI MIEI FIGLI...BAMBINI SI NASCE ...GENITORI SI DIVENTA

Mi Piace

Chi è in linea

In totale c'è 1 utente in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 1 Ospite

Nessuno


[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 21 il Gio 26 Ago 2010, 1:17 am

Navigazione

Migliori postatori

Partner

creare un forum
Sito segnalato su Small Advertise!
Baby Boom la TOP
 
Dettagli john23.newgoo.net/

Migliori Siti

Vota
Top Italia

    La terza settimana

    Condividere
    avatar
    Mirna Marchi
    Amministratrice
    Amministratrice

    Data d'iscrizione : 13.06.10
    Località : Ludiano
    Messaggi : 188
    Età : 49

    default La terza settimana

    Messaggio Da Mirna Marchi il Mar 28 Set 2010, 8:51 pm



    Dopo due settimane la maggior parte dei neonati ha di nuovo raggiunto il peso che aveva alla nascita. E, a partire da questo momento, il peso aumenterà sempre più. Nei primi tre mesi di vita, l'aumento di peso settimanale è di circa 150-200 g. E quando il vostro bebè avrà cinque mesi, il peso che aveva alla nascita con grande probabilità sarà raddoppiato.

    Il residuo di cordone ombelicale dovrebbe nel frattempo essersi seccato e la ferita dovrebbe essersi rimarginata. Perciò, nulla a questo punto può più ostacolare il piacere del bagnetto. E la faccenda sarà piuttosto… bagnata. Perché la maggior parte dei neonati si trova bene nell'acqua calda come nell'utero della madre ed è felice di poter dare sfogo al proprio desiderio di movimento.

    Qualche esercizio


    Anche al di fuori dell'acqua i movimenti del vostro bebè saranno sempre casuali e scomposti. Ma se ha afferrato qualcosa, ad esempio il vostro dito, lo porta automaticamente alla bocca. La stessa cosa avverrà presto con la propria mano.
    Per far conoscere al vostro bebé il suo ambiente e per favorire la sua digestione, cercate ogni tanto di fargli fare qualche semplice esercizio, solo per pochi minuti. Ad esempio, potete prendergli le manine e muoverle davanti al suo petto. Oppure fargli fare la bicicletta con le gambine. La posizione ideale sarebbe con il bebè disteso sulle vostre cosce, mentre voi siete sedute e con i piedi poggiati su uno sgabello. Sul fasciatolo, potete rotolarlo lentamente di lato fino a porlo a pancia in giù, e poi, al contrario, ritornando nella posizione di partenza. Il vostro bambino dovrebbe partecipare volentieri. Interrompete subito gli esercizi se si mette a strillare.
    Qualche racconto


    Un intenso contatto vocale è importante per il vostro bambino, anche se non può ancora rispondervi. Raccontategli e cantategli qualcosa, parlate con lui. Vedrete come, quasi istintivamente, vi metterete a parlare in un tono sereno e gentile, usando il tipico "linguaggio infantile". E ciò non è ridicolo, ma ha una buona ragione: i bambini percepiscono i toni alti come piacevoli, e la ripetizione di brevi sillabe ("la-la-la", "na-na-na") li aiuta a fissare nella mente queste "parole". I primi sei mesi sono decisivi per lo sviluppo linguistico del vostro bambino, anche se probabilmente riuscirà a pronunciare la prima parola comprensibile solo dopo il suo primo compleanno.
    Qualche passeggiata


    Finora il vostro bambino ha dormito accoccolato, in posizione fetale, come dormiva nel grembo materno. Le gambine sono piegate e i braccini sono tenuti stretti al corpo. Le mani, strette in piccoli pugni, si trovano vicine al viso. Nella terza settimana il bambino ha già una posizione più distesa e libera e perciò sarebbe meglio porlo in posizione supina. Grazie a questo e ad altri interventi si riduce notevolmente il rischio della temuta "morte improvvisa del lattante" (SIDS – Sudden Infant Death Syndrome), comunemente detta “morte in culla” o “morte bianca”. Badate che il bambino non sia vestito troppo durante il sonno.
    Se il tempo lo permette e se il bambino è sveglio, le passeggiate all'aria aperta in un parco o su strade tranquille sono un momento importante della giornata. Ma potete portare con voi il bambino anche durante la maggior parte delle vostre commissioni. Per far ciò sono a disposizione diversi mezzi o strumenti per portare il bebè. Evitate però nei primi mesi di esporre il bambino a troppi stimoli tutti assieme. Grandi supermercati o feste di famiglia sottopongono i piccoli a stress eccessivi. Anche se in tali occasioni spesso dormono, essi recepiscono molte cose e la sera hanno spesso difficoltà a elaborare il tutto. A casa non è necessario camminare in punta di piedi quando il bambino dorme. Molti genitori notano addirittura che i rumori costanti hanno un effetto tranquillizzante sul loro bebè, ad esempio durante i viaggi in macchina o mentre si usa l'aspirapolvere.

      La data/ora di oggi è Sab 16 Dic 2017, 5:00 pm