Bebè Mania

SPAZIO DEDICATO AI MIEI FIGLI...BAMBINI SI NASCE ...GENITORI SI DIVENTA

Mi Piace

Chi è in linea

In totale ci sono 2 utenti in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 2 Ospiti

Nessuno


[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 21 il Gio 26 Ago 2010, 1:17 am

Navigazione

Migliori postatori

Partner

creare un forum
Sito segnalato su Small Advertise!
Baby Boom la TOP
 
Dettagli john23.newgoo.net/

Migliori Siti

Vota
Top Italia

    Bebè in arrivo: consigli per neopapà

    Condividere
    avatar
    Mirna Marchi
    Amministratrice
    Amministratrice

    Data d'iscrizione : 13.06.10
    Località : Ludiano
    Messaggi : 188
    Età : 49

    default Bebè in arrivo: consigli per neopapà

    Messaggio Da Mirna Marchi il Mer 25 Ago 2010, 9:41 pm



    Le neomamme hanno i corsi pre-parto, le lezioni di yoga per la gravidanza, i consulenti per l’allattamento, il supporto dell’ostetrica. I papà invece… diciamo che non hanno un granché in termini di preparazione e supporto!
    Ecco perciò qualche semplice consiglio per aiutare i papà alle prime armi :

    1. Imparate a fare il papà già durante la gravidanza cominciando a sviluppare un ampio e sincero dialogo con la vostra partner. La confidenza che ne deriverà sarà la base su cui costruirete tutto il meraviglioso ma difficile percorso che è la genitorialità.
    2. Se durante la gravidanza vi sentirete meno coinvolti emotivamente mentre lei è euforica sappiate che è normale, quindi parlatene con la vostra compagna. A volte le cose non dette o i problemi non affrontati diventano giganti ingombranti. Meglio parlare liberamente dei propri sentimenti piuttosto che seppellirli in attesa che esplodano.
    3. Quando arriverà il piccolo, prendetevi cura di lui senza paura. Non c’è posto più sicuro – per un bimbo – delle mani forti del suo papà. Se avete dei dubbi, potete chiedere consiglio al nido dell’ospedale: troverete molta disponibilità ad insegnarvi il modo più corretto per accogliere il piccolo fra le vostre braccia.
    4. Dopo il parto le neomamme hanno spesso sbalzi di umore incontrollati mentre voi potreste essere euforici. Anche questo è normale. Il vostro compito consiste nell’essere paziente e comprensivo quando la mamma si vorrà sfogare, di dare supporto e aiuto ma soprattutto di creare un ambiente sereno al riparo dai mille parenti e amici che vorranno invadere la vostra privacy. La stanchezza post-parto è una condizione passeggera e senza particolari conseguenze. Il papà premuroso farà bene però a informarsi su come riconoscere i segnali di un’eventuale depressione post-parto che può invece essere molto grave.
    5. Supportate la partner nell’allattamento al seno dicendole che siete orgogliosi di lei e incoraggiandola in questo meraviglioso gesto d’amore. Allattare è un’esperienza fisicamente faticosa quindi sarà prezioso anche l’aiuto pratico: per esempio i bimbi vanno spesso cambiati prima e dopo la poppata. Sarete adorati se – la notte – lo farete voi, lasciando alla mamma solo il compito di dare il seno regalandole qualche mezz’ora di sonno in più.
    6. Aiutatela con gli altri eventuali figli o con le faccende di casa. Stabilite delle buone regole di convivenza che alleggeriscano i compiti della mamma la quale potrà lasciare un po’ perdere la casa (ci penserete voi per quanto possibile) e concentrarsi sul proprio recupero fisico e sul bambino.
    7. Anche i papà possono soffrire di stanchezza e depressione post-parto. Il cambiamento è grande per entrambi i genitori ed è importante tenere vivo il dialogo con la partner per confrontarsi, capirsi e aiutarsi. Non bastasse non bisogna avere vergogna a chiedere aiuto a qualche specialista.
    8. Ricordate che l’unica cosa che proprio non potete fare è allattare. Per tutto il resto potete occuparvi del bambino altrettanto bene della madre: cambiategli il pannolino, fategli il bagnetto, mettetelo a nanna, coccolatelo se piange, giocate con lui: la mamma vi ringrazierà ma soprattutto vivrete momenti unici!
    9. Diventate dei papà competenti: informatevi e diventate esperti sulle esigenze del piccolo, sui suoi ritmi di vita, sulla sua crescita, su come e dove si comprano le cose a lui dedicate. Partecipate agli incontri col pediatra. Siate informati sulla sicurezza del bimbo, della vostra casa e sui rudimenti del primo intervento in caso di emergenza compresi i numeri da chiamare in caso aveste bisogno del consiglio di un dottore, di un’ostetrica, di una babysitter, del pronto intervento, ecc.
    10. La neomamme devono tornare – presto – ad essere le vostre compagne: riprendete prima possibile le abitudini di coppia, ritagliando spazi e tempi dedicati a voi due e basta. Meditate bene la scelta del posto in cui far dormire il bambino, prendete sempre decisioni discusse e condivise su chi è gradito in casa come aiuto (suocere, amiche, zie, vicine di casa) e non abbandonate in un angolo o – peggio – non dimenticate il discorso inerente la sessualità. L’intesa potrebbe avere momenti di rallentamento o di momentaneo cambiamento sia nell’uomo che nella donna. Parlarne aiuta a non ingigantire piccoli problemi naturali e fisiologici. Qualche sorpresa come fiori freschi o cene già pronte portate da fuori vi aiuteranno a ritrovarvi.

    A cura del Dott. Federico Ghiglione
    Pedagogista, Fondatore e Presidente dell’Associazione Professione Papà ([Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link])

      La data/ora di oggi è Gio 14 Dic 2017, 5:39 pm