Bebè Mania

SPAZIO DEDICATO AI MIEI FIGLI...BAMBINI SI NASCE ...GENITORI SI DIVENTA

Mi Piace

Chi è in linea

In totale c'è 1 utente in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 1 Ospite

Nessuno


[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 21 il Gio 26 Ago 2010, 1:17 am

Navigazione

Migliori postatori

Partner

creare un forum
Sito segnalato su Small Advertise!
Baby Boom la TOP
 
Dettagli john23.newgoo.net/

Migliori Siti

Vota
Top Italia

    La celiachia non curata può causare l’aborto

    Condividere
    avatar
    Mirna Marchi
    Amministratrice
    Amministratrice

    Data d'iscrizione : 13.06.10
    Località : Ludiano
    Messaggi : 188
    Età : 49

    default La celiachia non curata può causare l’aborto

    Messaggio Da Mirna Marchi il Ven 29 Ott 2010, 11:52 pm


    La celiachia è un’intolleranza alimentare molto nota. Purtroppo l’allergia al glutine non è facilissima da scoprire e se non curata, durante una [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]gravidanza, può portare gravi problemi, fino a causare l’aborto, divorando la[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]placenta e distruggendo il nido in cui il feto dovrebbe crescere e trovare nutrimento. A sostenere questa tesi sono i ricercatori dell’Università’ Cattolica-Policlinico “Agostino Gemelli” di Roma che hanno scoperto che esiste una correlazione forte tra celiachia e aborti spontanei.
    Molte donne con questo tipo di problema ginecologico non sanno neppure di avere la celiachia per cui non possono prevenire la perdita di un figlio. Il Team di medici ha che gli anticorpi “impazziti” alla base della celiachia, l’intolleranza al glutine che è la proteina del grano, si intrufolano sin nella placenta, andando a distruggere le cellule placentari che permettono al feto di annidarsi in utero e nutrirsi.
    Questo meccanismo autoimmune è stato decifrato in una ricerca pubblicata sulla rivista The American Journal of Gastroenterology. Per fortuna la celiachia non è diffusissima, anche se colpisce circa una persona ogni 80. È però davvero importante conoscere il disturbo in gravidanza perché è collegata a molti problemi di carattere ginecologico, oltre all’aborto, come ritardi di sviluppo fetale, parti prematuri, la menopausa precoce e anche l’osteoporosi.
    Il problema degli aborti spontanei ricorrenti riguarda il 15% delle donne sane, ma il problema è molto più diffuso tra le donne celiache. Durante la ricerca, gli studiosi della Cattolica di Roma hanno per primi dimostrato come anticorpi anti-transglutaminasi siano in grado di determinare un danno alla funzionalità placentare con inibizione della capacità invasiva delle cellule placentari, essenziale per permettere l’impianto dell’embrione. Inoltre, poiché precedenti studi avevano dimostrato che a livello placentare in donne celiache si formano dei depositi di gliadina, i ricercatori dell’Università’ Cattolica hanno valutato l’effetto della gliadina su campioni di placenta di donne celiache in cura e che avevano portato a termine la gravidanza.
    Il risultato? Sono riusciti a rilevare una forte risposta immunitaria con infiltrazione linfocitaria tissutale e al tempo stesso infiammatoria che ha portato alla morte delle cellule placentari. E’ chiaro quindi che nelle donne celiache, anche se asintomatiche, gli anticorpi malati vanno a far danni anche nella placenta.
    avatar
    Mirna Marchi
    Amministratrice
    Amministratrice

    Data d'iscrizione : 13.06.10
    Località : Ludiano
    Messaggi : 188
    Età : 49

    default Re: La celiachia non curata può causare l’aborto

    Messaggio Da Mirna Marchi il Mar 02 Nov 2010, 6:16 am


    Molti di noi sanno cos'è la celiachia, alcuni addirittura ne soffrono, altri invece sono all'oscuro delle conseguenze che può portare nella vita: i celiaci sono persone intolleranti al glutine, una proteina tipica del grano. Il glutine è contenuto nella pasta, nel pane, nella pizza e in mille altri prodotti che implichino l'uso della farina bianca.

    Se non adeguatamente curata, la celiachia crea un malessere diffuso in tutto l'organismo, ma se la malata non riconosciuta è una gestante, le conseguenze sulla gravidanza potrebbero essere nefaste: il rischio di aborto spontaneo è triplicato rispetto a quello che corre una donna sana.

    La soluzione verrebbe dall'adeguamento della propria dieta a quella priva di glutine, studiata apposta per i celiaci, ma molte volte i sintomi dell'intolleranza sono così lievi che la diagnosi non è per niente scontata.

    Un team di ricercatori dell'Università Cattolica di Roma ha scoperto la correlazione tra maggior incidenza di aborti spontanei e celiachia non riconosciuta: la Dottoressa Nicoletta De Simone, Direttore del Dipartimento per la Tutela della Salute della Donna e della Vita Nascente, del Policlinico Gemelli, indica che ben la metà de queste gestanti avranno degli aborti ripetuti, almeno finchè non si cureranno.

    La celiachia, essendo una malattia autoimmune, agisce distruggendo la placenta attraverso gli anticorpi anti-glutine: per essere sicurre che questi anticorpi non siano più nel nostro organismo al momento della gravidanza, dovremmo essere sotto dieta controllata e ferrea da almeno sei mesi.

      La data/ora di oggi è Gio 23 Nov 2017, 6:18 pm